COME CAPIRE SE IL MATERASSO E’ DA CAMBIARE?

SINTOMI

Ci sono alcuni sintomi che ci fanno capire che è ormai ora di cambiare il materasso. Per esempio se alla mattina ci svegliamo doloranti e più stanchi di quando siamo andati a dormire, significa che il materasso sul quale stiamo dormendo non è più adatto alle nostre esigenze. Del resto anche noi cambiamo negli anni, e cambiamo taglie dei vestiti, scarpe, abitudini alimentari…e il materasso dovrebbe aiutarci in questo percorso di vita!

Eppure molti pensano che la loro stanchezza mattutina è dovuta a Stress, alle preoccupazioni, al lavoro che fanno che li preoccupa o li stanca.

Ma allora perché andiamo a dormire?

Andiamo a dormire perché il corpo durante la notte si rigenera da tutti questi fattori e lo fa nel migliore dei modi se l’appoggio su cui dorme è adatto alle sue esigenze. Del resto, se indossi delle scarpe troppo strette fai fatica a camminare bene… ed è la stessa cosa quando andiamo a dormire. Se il materasso su cui dormiamo è troppo rigido avremo dei punti di pressione che impediranno al sangue di circolare liberamente ed ecco che alla mattina avremo dolori all’anca, alle spalle, difficoltà ad alzarsi dal letto. E se dormiamo a pancia in su, la zona lombare rimarrà “sospesa” tutta la notte ed ecco che la mattina ci alziamo con il mal di schiena.

Allo stesso modo se è troppo morbido avremo un inarcamento della spina dorsale durante la notte e come risultato un risveglio dolorante anche per le cervicali.

 

CARATTERISTE DEL MATERASSO CHE CI FANNO CAPIRE CHE E’ USURATO

 

A volte il materasso sembra ancora buono, pur avendo magari più di 10 anni.

Ci accorgiamo però di avere molta polvere sotto il letto, molta di più di quando era nuovo. Questo è dovuto all’usura del materasso. Pur essendo ancora “in forma”, cioè a prima vista sembra bello dritto, non può sicuramente essere ancora come quando l’abbiamo comprato perché ogni notte perdiamo circa un bicchiere di liquidi corporei, scaglie di pelle e forfora che si annidano nel materasso e tutto questo accumulo si trasforma in polverina che fuoriesce e ce la troviamo sotto il letto…e ce la respiriamo durante la notte.

Un’altra caratteristica invece più evidente è l’avvallamento nella zona lombare dovuto a una costante pressione e sicuramente all’età del materasso.

Per chi ha i materassi a molle, oltre a quanto detto sopra, spesso c’è un’altra caratteristica che ci fa capire che è ormai usurato: i lati sono “spanciati” e si sentono le molle sulla schiena (e sono fastidiose) perché l’imbottitura si è ormai diradata.


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.